Schermata-2017-08-14-alle-19.32.49.png
3min14330

“Il fatto è che le donne come me si attaccano soltanto agli uomini con una personalità superiore alla loro: e io non ho mai trovato un uomo con una personalità capace di minimizzare la mia. Ho trovato sempre uomini, come definirli? carucci. Dio: si piange anche per quelli carucci, intendiamoci, ma sono lacrime di mezza lira. Incredibile a dirsi, il solo uomo per cui non ho pianto lacrime di mezza lira resta mio marito: Goffredo Alessandrini. L’unico, fra quanti ne ho conosciuti, che mi stimi senza riserve e al quale sia affezionata. Certo non furono rose e fiori anche con lui. Lo sposai che ero una ragazzina e finché fui sua moglie ebbi più corna di un canestro di lumache”. (Anna Magnani)

Ricorda l’aforisma

Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto, ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite.
Mark Twain

Conosci la differenza tra citazione e aforisma?  
Distinguere un aforisma da una citazione spesso non è facile. Sinteticamente la differenza è questa:
l’aforisma è una proposizione brillante o paradossale che riassume un principio o un’osservazione ed espressa in forma breve e isolata dal resto del testo;
la citazione, invece, è  una frase estrapolata da un contesto originario più ampio al quale è comunque è connessa.
Come distinguerli quando sono fuori dal loro contesto?
La risposta è semplice: verificando ogni volta il contesto originario della frase. Quando la proposizione è concisa, in prosa e isolata dall’altro testo (in genere è divisa con uno spazio sia prima), quasi certamente si tratta di un aforisma. Se invece il significato della proposizione è legata al resto del testo, anche dal punto di vista strutturale,possiamo tranquillamente dedurre che si tratta di una citazione.