uomotriste-impotenza.jpg
4min

Le variazioni in un punto preciso del genoma sono la prova a lungo ricercata che esiste una componente genetica della disfunzione erettile. "Si tratta di una scoperta entusiasmante perché apre la porta a indagini su nuove terapie genetiche".